«Io nel pensier mi fingo… E il naufragar m’è dolce in questo mare.»

« Sei stato educato a scuola in classe e non eri che una pecora del gregge.

Ti hanno insegnato gli elementi generali del sapere e ti è stato insegnato “come imparare”.

Ora spetta a te come individuo di andare avanti e di imparare da solo quelle cose che daranno più forza al tuo carattere e ti permetteranno di riuscire nella vita facendo di te un uomo. »

 

Baden Powell

 

XII – L’INFINITO

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s’annega il pensier mio:
E il naufragar m’è dolce in questo mare.

 

Giacomo Leopardi

Print Friendly, PDF & Email

Possono interessarti anche