REGOLAMENTO REGIONE TOSCANA 2018

REGOLAMENTO REGIONE TOSCANA

MARZO 2018

 

Articolo n. 1 – Finalità

Il presente Regolamento, redatto in attuazione dell’art. 9 dello Statuto e dell’art. 7 del Regolamento Nazionale, definisce gli organismi regionali del M.A.S.C.I. Toscana e detta le modalità per il loro funzionamento.

 

Articolo n.2 – Organismi regionali

Gli organi della Regione Toscana sono:

  • L’Assemblea Regionale
  • Il Segretario regionale
  • Il Vice Segretario regionale
  • L’Assistente Ecclesiastico regionale
  • Il Consiglio regionale

 

Articolo n.3 – Assemblea Regionale

1 L’Assemblea Regionale, costituita da tutti gli Adulti Scout delle Comunità della Toscana regolarmente censiti entro la data di convocazione, garantisce la rappresentanza democratica di tutte le Comunità ed esprime tutte le sensibilità presenti nella Regione.

2 L’Assemblea è validamente costituita ove risulti l’appartenenza dei partecipanti ad almeno 2/3 delle Comunità censite.

3 L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta dei voti espressi, considerati come voti espressi anche le astensioni.

4 Ogni partecipante può essere portatore di non più di due deleghe scritte rilasciate da membri della stessa Comunità e vidimate dal Magister di quella.

5 Convocazione d’organi assembleari

L’Assemblea:

  1. È convocata d<l Segretario Regionale, almeno 2 volte l’anno (con ordine del giorno trasmesso per scritto a tutte le Comunità e per esse ai rispettivi magistri almeno 15 giorni di anticipo della data prevista);
  2. Può essere convocata ad iniziativa del Consiglio regionale, o su richiesta di almeno un terzo delle Comunità censite, o su richiesta del 40% degli Adulti Scout censiti nella Regione;
  3. Elegge tra i partecipanti un Presidente che la presiede e un Segretario che ha il compito di redigere il verbale. Per l’Assemblea elettiva devono essere eletti anche tre scrutatori.

 

6  Prerogative e funzioni

  1. Elabora l’indirizzo programmatico pluriennale sulla base delle caratteristiche proprie della Regione, dando indicazioni vincolanti al Consiglio regionale sui criteri che devono formare il programma regionale;
  2. Discute ed approva specifici documenti d’interesse generale a livello regionale;
  3. Approva e modifica il Regolamento Regionale;
  4. Elegge per un triennio il Segretario, come stabilito dall’art. 9 dello Statuto, sulla base delle candidature proposte dalle Comunità. Il Segretario Regionale può essere ricandidato solo per un ulteriore triennio consecutivo;
  5. Propone la terna dei nominativi tra i quali la Conferenza Episcopale Toscana nominerà l’Assistente Ecclesiastico regionale;
  6. Presenta le candidature agli incarichi nazionali di cui all’art. 12 dello Statuto;
  7. Approva il rendiconto di cassa presentato dal Tesoriere Regionale.

 

Articolo n.4 – Segretario Regionale

  1. Il Segretario Regionale ha la rappresentanza del Movimento a livello regionale, ne coordina le attività nell’ambito regionale ed assicura il collegamento tra Comunità ed Organismi Nazionali.
  2. Il Segretario Regionale:
    1. Convoca l’Assemblea Regionale con preavviso scritto di almeno 15 giorni. In caso di urgenza il preavviso può essere ridotto in base alle esigenze;
    2. Convoca e presiede il Consiglio Regionale;
    3. Comunica al Comitato Esecutivo Nazionale il nominativo del Segretario Regionale eletto e dell’Assistente Ecclesiastico regionale;
    4. Comunica al Comitato Esecutivo Nazionale i nominativi dei Delegati della regione per l’Assemblea Nazionale e può provvedere alla loro sostituzione, ai sensi dell’art. 11 comma 5 del regolamento Nazionale, previo accordo, se possibile, con la Comunità interessata;
    5. Propone al Consiglio Regionale la nomina del Vice Segretario Regionale, scelto tra tutti gli Adulti Scout censiti in Toscana;
    6. Indica gli incaricati delle Pattuglie Regionali e/o interregionali, di cui è parte, la cui nomina è ratificata dal Consiglio Regionale;
    7. Comunica alla Segreteria Nazionale, ai sensi dell’art. 20 del Regolamento Nazionale, i nominativi degli Adulti Scout che rivestono la qualifica di “Volontari” per effetto dell’eventuale iscrizione del M.A.S.C.I. Toscana al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato.

 

Articolo n.5 – Vice Segretario Regionale

1 – Sostituisce il Segretario Regionale in caso di sua assenza o temporaneo impedimento.

2 –  Il Vice Segretario Regionale, in caso di dimissioni anticipate del Segretario Regionale, o di sopravvenuto suo assoluto impedimento ad esercitare l’incarico, garantisce la continuità di governo espletando tutte le mansioni di ordinaria amministrazione fino alla convocazione dell’Assemblea Straordinaria per l’elezione del nuovo Segretario Regionale, cui deve procedere entro tre mesi dalle dimissioni o dall’accertamento dell’impedimento assoluto.

3 – Il Vice Segretario è componente del Consiglio Regionale, ove partecipa alle riunioni con diritto di intervento, ma gli è riconosciuto il diritto di voto solo se vi intervenga in sostituzione del SR.

 

Articolo n.6 – Assistente Ecclesiastico Regionale

1 – E’ nominato dalla Conferenza Episcopale Toscana tra un tema di nomi proposti dall’Assemblea Regionale;

2 – coordina le attività degli Assistenti Ecclesiastici di Comunità, tenendo conto delle direttive e dei suggerimenti espressi dall’Assistente Ecclesiastico Nazionale, dal Consiglio Nazionale, dal Comitato Esecutivo in tema di catechesi, come pure dei piani della Conferenza Episcopale Toscana, con la quale, assieme al Segretario Regionale e/o all’incaricato di rappresentare il MASCI Toscana in seno alla Conferenza Episcopale, assicura il collegamento.

 

Articolo n.7 – Consiglio Regionale

1 – Il Consiglio Regionale rappresenta in via continuativa le Comunità e tutte le istanze del Movimento a livello regionale.

2 – Il Consiglio Regionale è costituito da:

  • Il Segretario Regionale
  • Il Vice Segretario Regionale
  • L’Assistente Ecclesiastico Regionale
  • I Magistri delle Comunità toscane (o da un loro delegato in caso di impedimento)

3 – Partecipano altresì al Consiglio Regionale con solo diritto di intervento:

  • Gli ex Segretari Regionali
  • Gli Adulti Scout della Regione che ricoprono l’incarico di Consigliere Nazionale
  • Gli incaricati
  • Il Tesoriere Regionale

4 – Alle riunioni del Consiglio Regionale possono essere invitati esperti con funzioni consultive, e sono aperte a tutti gli Adulti Scout della Regione (senza diritto di voto e di intervento). In presenza del Segretario Regionale, il Vice Segretario non ha diritto di voto.

5 – Il Consiglio Regionale si riunisce in via ordinaria almeno 3 volte l’anno su convocazione del Segretario Regionale, ed, in via straordinaria, su richiesta  di almeno un terzo dei suoi componenti.

6 – Il Consiglio Regionale è validamente costituito con la presenza del Segretario Regionale o del Vice Segretario Regionale e della metà più uno dei Magistri (o loro delegati) delle Comunità toscane e delibera a maggioranza assoluta dei presenti considerando voti espressi anche le astensioni.

7 – Il Consiglio Regionale:

  1. Attua e cura l’esecuzione delle delibere dell’Assemblea Regionale;
  2. Propone modifiche al Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. Toscana che dovranno essere discusse ed approvate dall’Assemblea Regionale;
  3. Stabilisce le misure e le modalità di riscossione di eventuali quote regionali aggiuntive a quelle del censimento nazionale;
  4. Procede alla nomina del Vice Segretario Regionale e degli Incaricati;
  5. In base alle indicazioni avute dall’Assemblea Regionale, cura la stesura e la realizzazione del programma regionale, in stretta collaborazione con il Segretario Regionale;
  6. Compatibilmente con le disponibilità economiche, verificate di volta in volta con il Tesoriere, può disporre di contributi finanziari per favorire la partecipazione degli Adulti Scout censiti presso le Comunità della Regione ai campi di formazione, a convegni, incontri, assemblee, manifestazioni a carattere nazionale;
  7. Dopo aver valutato le richieste di costituzione di nuove Comunità, le invia, tramite il Segretario Regionale, al Comitato Esecutivo per la registrazione.

 

Articolo n.8 – Incaricati

1 – Il Consiglio Regionale, anche su indicazione del Segretario, può conferire ad Adulti Scout censiti in Toscana l’incarico di promuovere e/o coordinare a livello regionale e/o interregionale specifiche attività (compresa l’organizzazione di eventi), stabilendo, se necessario, la durata dell’incarico che cessa, comunque, in concomitanza con lo scadere del Segretario Regionale.

2 – Gli incaricati non potranno svolgere contemporaneamente altre funzioni e dovranno assicurare con continuità i collegamenti con i rispettivi settori nazionali e dare fattivo impulso, d’intesa con il Consiglio Regionale, alla attività di loro competenza. All’occorrenza gli Incaricati potranno avvalersi della collaborazione di altri Adulti Scout costituendo con questi una pattuglia.

3 – Gli incaricati sono tenuti a riferire sulla loro attività al Consiglio Regionale, recependone gli eventuali suggerimenti.

 

Articolo n.9 – Tesoriere Regionale

E’ ad ogni effetto un incaricato, alla cui nomina procede il Consiglio Regionale su indicazione del Segretario.

Il Tesoriere:

  • Esercita la gestione dei fondi regionali effettuando pagamenti ed incassi nell’ambito delle deliberazioni del Consiglio Regionale;
  • È tenuto a osservare le scritture contabili ed i documenti giustificativi;
  • Consegna al Consiglio Regionale il bilancio consuntivo per la debita revisione, almeno 20 giorni prima della seduta nella quale verrà discusso;
  • Presenta ogni anno, alla prima Assemblea regionale, il rendiconto di cassa per l’approvazione.

 

Articolo n.10 – Iscrizione al Registro Regionale del Volontariato

Il Segretario Regionale rappresenta il Movimento nella regione e in tale qualità interviene nelle attività che, ai sensi della normativa vigente, sono, o potranno, essere disciplinate da regolamenti regionali o provinciali. Lo stesso Segretario Regionale, previa autorizzazione del Consiglio Regionale, può, ai sensi della normativa vigente, iscrivere il M.A.S.C.I. Toscana al Registro regionale delle Organizzazioni del Volontariato, stipulare le convenzioni previste, nonché svolgere ogni altra attività, operazione, atto, ricorso, appello o contratto a quanto sopra collegato o conseguente.

Nel caso di iscrizione al predetto Registro, si dovrà istituire:

  • Un ufficio di Ragioneria diretto da un responsabile contabile, nominato dal Consiglio Regionale su indicazione del Segretario Regionale;
  • Un Collegio di Revisori dei Conti (numero 2 Adulti Scout nominati dall’Assemblea Regionale, con durata triennale – nella prima fase vengono nominati dal Consiglio Regionale e durano in carica fino alla prossima Assemblea Regionale. Dovranno essere iscritti nel Registro dei Revisori dei Conti.

 

Articolo n.11 – Norme finali e transitorie

Il presente Regolamento regionale del M.A.S.C.I. Toscana, entra in vigore, ai sensi dell’art. 9 dello Statuto, dopo l’approvazione del Consiglio Nazionale.

Per quanto non previsto dal presente Regolamento si rimanda allo Statuto ed al Regolamento Nazionale.

 

Print Friendly, PDF & Email